Condizioni generali per forniture e prestazioni

1. Validità delle condizioni

a) Tutti i contratti sulle forniture e le prestazioni, stipulati a partire dal 1° gennaio 2002 con imprenditori, persone giuridiche del diritto pubblico o con capitale separato, sono soggetti alle seguenti condizioni.

b) Le modifiche delle condizioni vengono comunicate per iscritto al partner contrattuale nei rapporti obbligatori di durata con l'indicazione delle condizioni modificate e si considerano concordate qualora il partner contrattuale continuasse il rapporto obbligatorio di durata senza opporsi entro il termine adeguato.

c) Il contenuto del contratto si basa su accordi scritti. Non sono stati presi altri accordi. Le modifiche o le aggiunte al contratto diventano efficaci soltanto previo nostro consenso scritto.

d) Qualsiasi condizione supplementare, divergente o per noi sfavorevole, aggiunta dal partner contrattuale non diventa parte integrante del contratto, neanche nel caso in cui non ci dovessimo opporre espressamente. Queste CCG sono valide anche per le future attività con il cliente.

2. Offerte

a) Le nostre offerte non sono vincolanti. Le offerte del cliente sono accettate nel momento in cui le confermiamo per iscritto o eseguiamo la fornitura o la prestazione.

b) I preventivi non sono vincolanti, a meno che non sia indicato diversamente sulla conferma dell'ordine.

c) Le nostre offerte non contengono alcuna garanzia e nessuna assunzione dei rischi di approvvigionamento, salvo diversa indicazione.

d) Siamo autorizzati a passare ordinazioni a subfornitori.

e) Caratteristiche delle merci o delle prestazioni

Le indicazioni contenute nelle dichiarazioni pubbliche, quali cataloghi, prospetti, circolari, inserzioni, immagini, pubblicità e listini prezzi, sono parte integrante delle caratteristiche solo qualora siano diventate parte integrante del contratto. Le dichiarazioni pubbliche di un produttore esterno o dei suoi collaboratori sono parte integrante delle caratteristiche della merce solo se sono concordate a contratto e se da noi espressamente rese proprie per iscritto nelle nostre affermazioni pubbliche.

Le indicazioni sulle caratteristiche o sulla durata utile di una merce o di una prestazione, contenute nelle nostre dichiarazioni contrattuali e nelle dichiarazioni pubbliche o non pubbliche di un produttore esterno o dei suoi collaboratori non costituiscono alcuna garanzia (assicurazione) ai sensi del § 276 comma 1 C. C. e nessuna garanzia sulle caratteristiche o durata utile ai sensi del § 443 C. C., qualora non avessimo assunto espressamente per iscritto la relativa garanzia.

Ci riserviamo il diritto di apportare, fino alla fornitura, modifiche tecniche di usanza commerciale, soprattutto miglioramenti, qualora ciò non comporti modifiche rilevanti nelle caratteristiche e non rechi pregiudizi inaccettabili al cliente.

3. Impiego previsto della merce

Le nostre merci sono destinate esclusivamente all'utilizzo da parte degli imprenditori. Se il partner contrattuale intende consegnare le nostre merci acquistate a un consumatore o a un imprenditore che da parte sua fornisce tali merci ai consumatori, è tenuto a comunicarci la sua intenzione prima della stipula del contratto.

4. Prezzi

a) Sono validi i prezzi indicati nella conferma dell'ordine, altrimenti valgono i nostri listini prezzi in vigore a partire dalla stipula del contratto.

b) A meno che dalla conferma dell'ordine non risulti altrimenti, valgono i nostri prezzi in EURO a partire dal luogo di spedizione, incluse le spese di spedizione, assicurazione e imballaggio, nonché l'IVA valida al momento della consegna.

c) Se viene concordato un termine di consegna superiore a sei settimane o se i rapporti obbligatori di durata hanno una durata superiore a sei settimane, siamo autorizzati a caricare al partner contrattuale gli aumenti dei costi subiti nel frattempo per l'approvvigionamento o la fornitura, oppure per l'utilizzo del personale (oneri salariali e oneri complementari del lavoro), aumentando i relativi prezzi nell'ambito necessario per compensare tali cambiamenti.

5. Pagamento

a) Le nostre rivendicazioni, in particolare quelle sul trattamento economico nei confronti del partner contrattuale, decadono se non viene diversamente concordato. Se non è stato concordato un termine di pagamento, si applica il termine la mora previsto dalle prescrizioni di legge.

b) I pagamenti per i modelli relativi ai pezzi e alle attrezzature di produzione (punto 8) scadono sempre anticipatamente senza deduzione alcuna.

c) Se nei rapporti obbligatori di durata è stato concordato un compenso a scalare nei diversi periodi di tempo, il compenso deve essere pagato all'inizio di ciascun periodo. Se i periodi di tempo sono superiori a sei mesi, il partner contrattuale è tenuto al pagamento preventivo corrispondente alla quota del compenso per i sei mesi successivi.

d) Nel caso di bonifici, i pagamenti si considerano effettuati tempestivamente dal momento della disponibilità sul nostro conto. L'accettazione di assegni e cambiali vale soltanto dopo la riscossione pari all'importo riscosso meno tutte le spese di pagamento. Non siamo obbligati a presentare tempestivamente gli assegni e le cambiali.

e) Se si tratta di un contratto d'appalto in cui noi siamo gli appaltatori e il committente presenta disdetta in conformità al § 649 C. C. prima che noi iniziassimo ad effettuare le prestazioni, ci spetta un pagamento forfettario pari al 5% dell'importo complessivo concordato. Siamo autorizzati a rivendicare un aumento adeguato dell'ammontare del pagamento.

6. Diritti di compensazione e di ritenzione, cessione, prestazione parziale

a) Il partner contrattuale è autorizzato alla compensazione esclusivamente se le rivendicazioni presentate sono inconfutabili o passate in giudicato. Per esercitare i diritti di ritenzione, ivi incluso il diritto di cui al § 369 Cod. Comm., il partner contrattuale è autorizzato a presentare le rivendicazioni inconfutabili o passate in giudicato solo sulla base dello stesso rapporto giuridico.

b) Si esclude la cessione delle rivendicazioni rivolte contro di noi. Resta salvo il § 354 Cod. Comm.

c) Le consegne parziali, nonché le prestazioni parziali e i relativi conteggi sono consentiti nel momento in cui siano accettabili per il partner contrattuale.

7. Messa in pericolo di un diritto

a) Se dopo la stipula del contratto si rileva che la nostra rivendicazione della controprestazione viene messa in pericolo da una mancata capacità del partner contrattuale, il partner contrattuale ha obbligo di prestazione anticipata nel momento in cui sussiste il nostro obbligo contrattuale in una prestazione d'opera, servizio o fornitura di merce (di tipo commerciale) acquistata dal partner commerciale, ma non diversamente smaltibile in qualsiasi momento.

b) Inoltre, è valido il § 321 C. C. a condizione che possiamo rifiutarci di effettuare la nostra prestazione anche in caso di messa in pericolo delle nostre rivendicazioni sulla base dello stesso rapporto giuridico, in conformità al § 273 C. C.

c) Se è concordato il pagamento rateale viene presa in considerazione la scadenza dell'intero credito residuo nel momento in cui il partner contrattuale si trovi del tutto o in parte in ritardo di almeno due rate consecutive.

d) Gli accordi di dilazione perdono la loro validità giuridica se il partner contrattuale si trova in ritardo per quanto riguarda una delle prestazioni o se subentrano i requisiti di cui al § 321 C. C. in merito a una rivendicazione.

8. Modelli dei pezzi, attrezzature di produzione

a) Se il partner contrattuale è tenuto a mettere a disposizione modelli, disegni, programmi per computer, file e attrezzature di produzione (attrezzature), questi saranno a noi consegnati franco domicilio. Su nostra richiesta, il partner contrattuale ha il dovere di ritirarli nuovamente. Se non rispetta questa richiesta entro tre mesi, saremo autorizzati a consegnarli al partner contrattuale a sue spese. Le spese per la manutenzione, installazione, stoccaggio, assicurazione, modifiche e sostituzione sono a carico del partner contrattuale. Siamo obbligati a stipulare un'assicurazione soltanto su richiesta del partner contrattuale e dietro anticipazione di tutte le spese.

b) Il partner contrattuale è responsabile della progettazione, della conformità ai disegni e ai campioni e dell'idoneità delle attrezzature. Da parte nostra non siamo obbligati a controllare le attrezzature.

c) Se vengono costruite o acquistate attrezzature da parte nostra per conto del partner contrattuale, spetta a noi il pagamento del compenso accordato e adeguato. Le attrezzature prodotte da noi rimangono di nostra proprietà. Inoltre, il partner contrattuale non avrà alcun diritto di consegna neanche se per esse ha pagato un compenso. Ci riserviamo il diritto di smaltire le attrezzature o utilizzarle diversamente se dall'ultima ordinazione da parte del partner contrattuale sono trascorsi almeno tre anni. Invece, nel caso in cui si dovesse concordare che il partner contrattuale debba diventare il proprietario delle attrezzature, la proprietà ricade su di lui dopo il pagamento dell'intero importo. Siamo obbligati a custodire l'attrezzatura; valgono in merito il comma 1 e i commi da 2 a 5. Può essere disdetto il contratto di custodia o richiesta la consegna da parte del partner contrattuale non prima che siano trascorsi due anni dal passaggio di proprietà.

d) Il partner contrattuale è responsabile del nullaosta di diritto civile e pubblico sulla prestazione effettuata da parte nostra, nel caso in cui collabori alla sua realizzazione, in particolare mettendo a disposizione materiale, disegni, know-how o altre informazioni. Ciò vale anche in caso di eventuali violazioni dei diritti di protezione, in particolare dei brevetti, dei modelli d'utilità, dei marchi d'impresa, dei diritti d'autore e dei modelli ornamentali. Nell'ambito della sua responsabilità, il partner contrattuale è tenuto a esonerarci da tutte le rivendicazioni di terzi e dalle spese di attuazione o difesa di un diritto che risultano da eventuali violazioni dei diritti.

e) Su tutta la documentazione consegnata al cliente, in particolare le immagini, i disegni, i calcoli, ci riserviamo i diritti di proprietà e d'autore. La documentazione non deve essere utilizzata per scopi diversi da quelli previsti dal contratto, non deve essere resa accessibile a soggetti terzi e deve essere restituita a noi immediatamente franco domicilio, nel momento in cui è stato soddisfatto lo scopo previsto dal contratto oppure il contratto è terminato. Ciò vale in particolare per quei documenti e altre informazioni che vengono considerati "confidenziali". Se la riservatezza non è garantita, siamo autorizzati a rivendicare la restituzione della documentazione.

9. Consegna, termini di consegna, mora d'accettazione

a) Il periodo e il termine di consegna si basano su quanto riportato sulla nostra conferma dell'ordine. Se dopo la stipula del contratto vengono concordate modifiche al contenuto o al volume di consegna, viene nuovamente fissato il termine per l'intera consegna.

b) Il periodo e il termine di consegna vengono rispettati nel momento in cui la merce viene spedita entro i termini previsti oppure si comunica al partner contrattuale che la merce è pronta per la consegna.

c) Subentra un adeguato prolungamento dei termini di consegna se non siamo in grado di effettuare la consegna o esercitare la prestazione a causa di eventi a noi non imputabili, in particolare di provvedimenti nell'ambito di controversie sindacali, soprattutto scioperi o serrate, o per cause di forza maggiore, guerre o calamità naturali. Abbiamo il diritto a recedere dal contratto nel caso in cui l'impedimento alla prestazione duri per un periodo di tempo non noto e si metta in pericolo lo scopo contrattuale. Se l'impedimento si protrae per oltre 2 mesi, il committente ha il diritto di recedere dalla parte del contratto non ancora adempiuta, nel caso in cui non abbia il diritto di recedere dall'intero contratto in base alle normative di queste condizioni.

d) Se il partner contrattuale non ritira la merce entro i termini previsti siamo autorizzati, con riserva di tutti gli altri diritti, a concedergli un'adeguata proroga, al termine della quale disporremo altrimenti dell'oggetto e riserveremo al partner un ulteriore prolungamento dei termini. Come risarcimento del danno possiamo chiedere un importo forfettario pari al 10 % del prezzo concordato senza IVA, fatto salvo il diritto del partner contrattuale di dimostrare l'assenza o la sostanziale esiguità del danno. Ci riserviamo il diritto di rivendicare il risarcimento di eventuali danni maggiori.

e) Le ordinazioni su richiesta, se non diversamente concordato, devono essere ricevute in consegna entro due mesi.

f) Siamo obbligati a stipulare un'assicurazione solo se il partner contrattuale presenta per iscritto un'esplicita richiesta indicando il tipo e l'importo dell'assicurazione, nella sua offerta e dietro anticipo delle spese di assicurazione.

10. Trapasso di rischio

a) Il rischio passa al partner contrattuale non prima della spedizione della merce, anche quando ci assumiamo altre prestazioni, come il trasporto, e abbiamo a nostro carico le spese di trasporto.

b) Se la spedizione ritarda per motivi imputabili al partner contrattuale, il pericolo di disponibilità di consegna ricade sul partner; tuttavia siamo obbligati ad attuare a spese del partner l'assicurazione richiesta dal partner, a meno che questi non nomini un'assicurazione e non paghi le spese anticipatamente.

11. Riserva di proprietà

a) La proprietà della merce consegnata passa al partner contrattuale una volta pagato l'intero importo di tutte le nostre rivendicazioni derivanti dal contratto stipulato.

b) Fino alla cessazione della proprietà di riserva valgono le seguenti disposizioni:

Il partner contrattuale è tenuto ad aver cura e ad assicurare la merce consegnata, è autorizzato a rivenderle alle aziende nel regolare traffico commerciale, a patto che non si trovi in ritardo. Il partner contrattuale è altresì autorizzato all'elaborazione e alla lavorazione della merce per noi in quanto produttori, tuttavia senza che prenda corpo per noi alcun dovere. Se la nostra (com)proprietà cessa per associazione, la (com)proprietà del partner contrattuale passa a noi nell'affare comune pari al valore della merce che il partner contrattuale conserva per noi gratuitamente.

Il partner contrattuale cede a noi a titolo di garanzia le sue rivendicazioni derivanti dalla rivendita o da altri motivi giuridici. Noi accettiamo tale cessione. La rivendita della merce consegnata è esclusa nel caso in cui le rivendicazioni derivanti dalla rivendita o da altri motivi giuridici non siano cedibili.

Il partner contrattuale è autorizzato ad avvalersi delle rivendicazioni derivanti dalla rivendita o da altri motivi giuridici, a patto che ottemperi ai suoi obblighi nei nostri confronti e che non si creino i requisiti di cui al punto 7 (messa in pericolo di un diritto) di queste condizioni generali o del § 321 C. C. Il partner contrattuale è tenuto a versarci immediatamente gli importi riscossi, a patto che siano scadute le rivendicazioni garantite.

Su nostra richiesta, il partner contrattuale è tenuto a rivelare la cessazione e a consegnarci la documentazione e le informazioni necessarie per l'avvaloramento della rivendicazione. In caso di accesso di terzi alla merce assoggettata a riservato dominio o alle rivendicazioni cedute in anticipo, il partner contrattuale è tenuto a fare riferimento alla nostra proprietà e a informarci immediatamente sul passaggio della documentazione necessaria per un eventuale atto di intervento.

In caso di comportamento da parte del partner contrattuale contrario ai termini del contratto ovvero ritardi nel pagamento o violazione degli obblighi contemplati in questo punto, in particolare gli obblighi di diligenza in merito alla merce e l'obbligo del pagamento degli importi riscossi, siamo autorizzati a richiedere, relativamente alle merci non ancora pagate, la restituzione delle merci fornite o a cedere i diritti di restituzione del partner contrattuale contro terzi. In caso di avvaloramento della riserva di proprietà o pignoramento della merce consegnata non si ha alcun diritto di recedere dal contratto.

Nel caso in cui il valore da calcolare sulla base del ricavo ottenibile per le rivendicazioni cedute a titolo di garanzia aumenti del 20% rispetto all'ammontare della rivendicazione garantita, saremo tenuti al ritrasferimento su richiesta del partner contrattuale.

12. Diritti di risarcimento danni, risarcimento di spese inutili

a) Limitazione di responsabilità nelle cause

I diritti di risarcimento danni o le rivendicazioni di risarcimento delle spese inutili a causa della violazione degli obblighi o se la prestazione dovuta non viene da noi eseguita o non viene eseguita come dovuto a causa di ritardo o di vizi, spettano al partner contrattuale per

aa) danni alla vita altrui, alle lesioni corporali o alla salute, derivanti dalla nostra violazione degli obblighi per lo meno per negligenza o dalla violazione dolosa o per negligenza degli obblighi da parte di uno dei nostri rappresentanti legali o ausiliari, bb) altri danni derivanti da una violazione per lo meno per grave negligenza degli obblighi da parte nostra o da una grave violazione per negligenza degli obblighi da parte di uno dei nostri rappresentanti, dirigenti o ausiliari, o da una violazione per negligenza da parte nostra degli obblighi attinenti al contratto (obblighi cardine) o da una violazione per lo meno per negligenza da parte di uno dei nostri rappresentanti, dirigenti o ausiliari, e cc) danni che ricadono nell'ambito di tutela di una delle garanzie da noi emesse (garanzia § 276 comma 1 C. C.) o di una garanzia sulle caratteristiche o sulla durata utile (§ 443 C. C.).

b) Limitazione di responsabilità nell'ammontare

Se la nostra responsabilità per semplice negligenza e la nostra responsabilità per comportamento gravemente negligente da parte dei nostri ausiliari, che non siano rappresentanti legali o dirigenti, non sono escluse in conformità alla lettera a), ci assumiamo la responsabilità esclusivamente per i danni tipicamente prevedibili al momento della stipula del contratto e per il risarcimento delle spese inutili solo fino all'ammontare dell'interesse di adempimento.

c) Responsabilità da rapporti obbligatori precontrattuali

I paragrafi precedenti valgono anche per i diritti di risarcimento danni del partner contrattuale derivanti dai rapporti contrattuali, i quali diritti nascono dall'accettazione delle trattative contrattuali, dall'avviamento di un contratto o da simili contatti professionali. Se si perfeziona un contratto tra noi e il partner contrattuale si considerano rilasciati i diritti al risarcimento danni del partner contrattuale, i quali diritti non sarebbero fondati sulle disposizioni precedenti in base al contratto esistente.

d) Rivendicazioni per diritto transitorio

Le disposizioni precedenti valgono anche per le rivendicazioni che il partner contrattuale contesta per diritto transitorio. Il partner contrattuale può appellarsi al diritto straniero nel caso in cui la rivendicazione fosse fondata anche sull'applicazione delle disposizioni precedenti e di queste Condizioni generali contrattuali.

13. Rivendicazioni del partner contrattuale in caso di vizi

a) Obbligo di indagine e ricorso per eventuali vizi di merito

Il partner contrattuale è tenuto a controllare, immediatamente dopo la consegna, la merce o prestazione da noi fornita nell'ambito dei contratti di acquisto, di appalto, di spedizione, di servizio o di gestione degli affari, e se si rileva un vizio di merito è tenuto a comunicarcelo tempestivamente. Se il partner contrattuale tralascia questa comunicazione, la merce o prestazione viene considerata accettata, a meno che non si tratti di un vizio non riconoscibile al momento dell'analisi. Se il vizio di merito dovesse presentarsi in seguito, lo si deve comunicare immediatamente dopo la sua scoperta, altrimenti la merce o prestazione viene considerata accettata in considerazione del vizio di merito. Per salvaguardare i suoi diritti, il partner contrattuale deve inviare la comunicazione in tempo. In caso di reticenza dolosa sul vizio da parte nostra, non possiamo appellarci a questo comma.

b) Vizi di merito in caso di oggetti usati

Nel caso di acquisto di oggetti usati, si esclude qualsiasi diritto del partner contrattuale derivante da vizi di merito. Ciò non vale per i diritti di risarcimento danni e le rivendicazioni derivanti da una delle garanzie da noi concesse (garanzia § 276 comma 1 C. C.) o dalla garanzia sulle caratteristiche o sulla durata utile (§ 443 C. C.).

c) Adempimento successivo Siamo autorizzati ad eliminare il vizio a nostra discrezione, tramite riparazione o consegna di un oggetto senza vizi (adempimento successivo). In caso di mancata riuscita dell'adempimento successivo, il partner contrattuale può diminuire il prezzo d'acquisto oppure recedere dal contratto a sua discrezione nel caso in cui l'oggetto della responsabilità per vizio non sia una costruzione. Resta salvo il diritto al risarcimento danni del partner contrattuale.

d) Prescrizione delle rivendicazioni per vizi

Il termine di prescrizione legale è valido

aa) per i diritti di risarcimento danni per vizio,

bb) per i diritti di rivalsa per ritiro o riduzione in caso di contratti d'acquisto per beni di consumo (§ 478 C. C.),

cc) per le rivendicazioni derivanti da azioni non permesse e

dd) nei casi contemplati dal §§ 438 comma 1 no. 2 e 634a comma 1 no. 2 C. C.

Tutti gli altri diritti del partner contrattuale per vizi di merito di oggetti di nuova produzione o prestazioni d'opera, in particolare per l'adempimento successivo, ritiro, riduzione e risarcimento delle spese inutili, decadono entro un anno.

Lo stesso vale per i diritti per vizi giuridici, con la seguente eccezione: i diritti per un vizio consistente in un diritto reale di un soggetto terzo, a causa del quale si può richiedere la consegna dell'oggetto acquistato, oppure in un altro diritto inserito nel registro fondiario, decadono entro 5 anni.

14. Luogo di adempimento

Si definisce luogo di adempimento, nei contratti con gli imprenditori, la sede della nostra azienda per entrambe le parti.

15. Vincolo di segretezza

a) Tutti i documenti, i dati e le informazioni messi a nostra disposizione dal partner contrattuale non sono confidenziali, fino a quando non vengono dichiarati tali dal partner stesso. Se ci valiamo dell'esecuzione di una prestazione o consegna a terzi, in ogni caso possiamo consegnare a questi ultimi i dati del cliente, a patto che ciò sia necessario per raggiungere l'obiettivo contrattuale.

b) I documenti, i dati e le informazioni da noi messi a disposizione del cliente devono essere tenuti segreti, in particolare le informazioni che consentono o facilitano l'utilizzo delle nostre prestazioni. I disegni e i documenti consegnati al partner contrattuale rimangono di nostra proprietà e devono essere restituiti su richiesta. Su nostra richiesta, le persone che accedono a tali informazioni devono essere concordate di comune accordo.

16. Diritto applicabile, lingua del contratto, tribunale competente, nullità parziale, prescrizione

a) Queste condizioni generali e tutti i rapporti giuridici tra le parti sottostanno al diritto sostanziale tedesco. Si esclude la validità della convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di acquisto internazionale di merci.

b) La lingua del contratto è il tedesco.

c) Se il partner contrattuale è un imprenditore, una persona giuridica del diritto pubblico o con capitale separato, il solo tribunale competente per tutti i litigi che derivano dal rapporto contrattuale è quello della sede della nostra azienda; in questo caso, tuttavia, siamo autorizzati a citare in giudizio il partner contrattuale in un altro tribunale giuridico competente.

Nei confronti di tutti gli altri partner contrattuali, la nostra sede viene concordata sede del tribunale competente in cui discutere tutti i litigi derivanti dal rapporto contrattuale nel caso in cui la parte da citare in giudizio trasferisca, dopo la stipula del contratto, la sua residenza o domicilio abituale fuori dalla Germania o qualora non sia nota la sua residenza o il suo domicilio abituale al momento dell'azione legale.

d) Se aderiamo per iscritto alle trattative, ha luogo la sospensione della prescrizione delle rivendicazioni del partner contrattuale nelle trattative. La sospensione termina dopo tre mesi dalla nostra ultima dichiarazione scritta.

e) L'inefficacia di disposizioni contenute in queste condizioni contrattuali o di una disposizione concordata tra le parti non ha nessuna influenza sull'efficacia delle restanti disposizioni di queste Condizioni generali per forniture e prestazioni o di altri accordi. Le parti sono tenute, in base alle condizioni tra di loro concordate, a sostituire le condizioni non valide con condizioni valide che si avvicinino il più possibile al tenore delle condizioni giuridicamente non valide.

Condizioni generali per acquisti e ordinazioni

1. Validità delle condizioni

Tutte le ordinazioni di forniture e prestazioni, rilasciate a partire dal 1 gennaio 2002 agli imprenditori e alle persone giuridiche del diritto pubblico o con capitale separato (di seguito denominate fornitori), sono soggette alle seguenti condizioni nelle loro versioni aggiornate alla stipula del contratto. Le modifiche delle condizioni vengono comunicate per iscritto al fornitore nei rapporti obbligatori di durata con l'indicazione delle condizioni modificate e si considerano concordate qualora il partner contrattuale continuasse il rapporto obbligatorio di durata senza contraddizioni entro il termine adeguato. Il contenuto del contratto si basa su accordi scritti. Non sono stati presi altri accordi. Le modifiche o le aggiunte al contratto diventano efficaci soltanto previo nostro consenso scritto. Per le ordinazioni è competente esclusivamente il nostro reparto acquisti. Non diventeranno parte integrante del contratto eventuali condizioni, condizioni aggiuntive e le condizioni generali del fornitore risultanti divergenti o a nostro sfavore, neanche nel caso in cui non dovessimo rifiutare espressamente tali condizioni. Queste CCG sono valide anche per le future attività con il fornitore.

2. Offerta

Le offerte sono accettate nel momento in cui le confermiamo con un'ordinazione scritta. Dopo il passaggio di un'ordinazione, non saremo più ad essa vincolati se trascorrono 14 giorni dalla sua consegna senza aver ricevuto una relativa accettazione. In tutta la corrispondenza si devono indicare il nostro numero di ordinazione e il codice prodotto.

3. Prezzi

Tutti i prezzi si intendono in EURO, incluse le spese di trasporto e imballaggio. Se, in via eccezionale, ci accolliamo le spese di trasporto sulla base di un accordo scritto, il fornitore sarà tenuto a ricorrere al trasporto economicamente più vantaggioso per noi. Se è obbligatoria la stipula di un'assicurazione, il fornitore dovrà provvedere all'assicurazione più conveniente.

4. Consegna

Il periodo e il termine di consegna si basano sull'ordinazione e sono vincolanti. Il periodo e il termine di consegna sono rispettati nel momento in cui la merce giunge nel luogo di adempimento. Eventuali ritardi nella consegna devono essere immediatamente comunicati per iscritto al nostro indirizzo. Ad ogni consegna si deve accludere la bolla di consegna standard contenente i dati in dettaglio. Il fornitore può valersi nell'esecuzione della sua prestazione di altre persone che non siano propri dipendenti solo se diamo espressamente per iscritto il nostro consenso al ricorso a un determinato subappaltatore per l'esecuzione di una determinata prestazione.

5. Pagamenti

Siamo autorizzati a trasferire i pagamenti su ogni conto bancario del fornitore. Per la tempestività del pagamento è determinante la data indicata nell'ordine del bonifico. Il pagamento dell'importo delle fatture deve essere effettuato non prima di 30 giorni dalla ricezione della fattura. Se la prestazione viene completata dopo la scadenza, l'importo della fattura va pagato dopo 30 giorni dal completamento della prestazione. Se il pagamento avviene entro due settimane dalla scadenza, siamo autorizzati a una detrazione del 3 %. Gli interessi di mora legali spettanti al fornitore possono superare di max. 5 punti percentuali il tasso di interesse base. Non si escludono eventuali diritti di interessi superiori per altri motivi giuridici e l'avvaloramento di ulteriori danni.

6. Messa in pericolo di un diritto

In caso di messa in pericolo dei nostri diritti siamo autorizzati a estendere il nostro diritto di rifiuto legale della prestazione, ai sensi del § 273 C. C., a tutte le prestazioni derivanti dallo stesso rapporto giuridico.

7. Trapasso di rischio

Il rischio ricade su di noi alla consegna della merce nel luogo di destinazione.

8. Modelli dei pezzi, attrezzature di produzione

Se, in accordo con il contratto, dobbiamo mettere a disposizione disegni, modelli, programmi per computer, file o attrezzature di produzione come ad es. gli utensili (denominati in seguito attrezzature), questi vengono prelevati dal fornitore, senza spese a nostro carico, dal luogo accettabile da noi indicato. Su nostra richiesta, il fornitore è tenuto a riconsegnarli al luogo accettabile da noi indicato, senza spese a nostro carico. I costi per la manutenzione, la riparazione e le modifiche sono a carico del fornitore. Il fornitore controlla alla consegna la progettazione, la conformità ai disegni o ai modelli e l'idoneità allo scopo contrattuale, e ci informa immediatamente su eventuali anomalie, scostamenti o mancanza di idoneità. Se le attrezzature vengono prodotte o acquistate dal forniture per nostro nome e conto, il pagamento è dovuto solo se espressamente concordato. Se il fornitore inserisce nella fattura i costi per le attrezzature prodotte o acquistate per nostro nome e conto, tali attrezzature diventano di nostra proprietà una volta completato il pagamento. Il fornitore è obbligato a custodire l'attrezzatura in modo accurato e senza spese a nostro carico. Il fornitore è tenuto a contrarre, a sue spese, un'assicurazione RC furto e incendio con una somma di copertura adeguata da concordare su nostra richiesta. Il fornitore è tenuto a informarci sulla stipula e sul contenuto e a consegnarci una copia del contratto di assicurazione. Nel caso di responsabilità, il fornitore è tenuto a cederci, su nostra richiesta, le sue rivendicazioni contro l'assicurazione solvendi causa. Su richiesta, le attrezzature devono essere consegnate al luogo accettabile da noi indicato, senza spese a nostro carico. Su tutte le altre attrezzature utilizzate esclusivamente per le consegne e le prestazioni a noi fornite ci spetta il diritto all'acquisto dietro pagamento del compenso adeguato. Una volta esercitato tale diritto valgono le disposizioni precedenti. Le attrezzature prodotte o procurate per o da noi, oppure da noi acquistate, devono essere utilizzate esclusivamente con il nostro consenso e per gli scopi di adempimento dei contratti con noi stipulati. Le attrezzature che non vanno restituite a noi devono essere stoccate, senza spese a nostro carico, al termine della relazione d'affari per un periodo di 5 anni oppure distrutte a spese del fornitore.

9. Prescrizione

La sospensione della prescrizione delle rivendicazioni del fornitore nelle trattative (§ 203 C. C.) ha luogo solo se aderiamo per iscritto alle trattative. La prescrizione delle nostre rivendicazioni si verifica non prima di tre mesi dalla nostra ultima dichiarazione scritta.

10. Risarcimento danni

a) Limitazione di responsabilità nelle cause: diritti di risarcimento danni o le rivendicazioni di sostituzione delle spese inutili a causa della violazione degli obblighi o se la prestazione scaduta non viene eseguita da noi o non viene eseguita come dovuto, a causa del ritardo o dei vizi, spettano al fornitore per

danni alla vita altrui, alle lesioni corporali o alla salute, derivanti dalla nostra violazione degli obblighi per lo meno per negligenza o dalla violazione dolosa o per negligenza degli obblighi da parte di uno dei nostri rappresentanti legali o ausiliari,

altri danni derivanti da una violazione per lo meno per grave negligenza degli obblighi da parte nostra o da una grave violazione per negligenza degli obblighi da parte di uno dei nostri rappresentanti, dirigenti o ausiliari, o da una violazione per negligenza da parte nostra degli obblighi attinenti al contratto (obblighi cardine) o da una violazione per lo meno per negligenza da parte di uno dei nostri rappresentanti, dirigenti o ausiliari, e

danni che ricadono nell'ambito di tutela di una delle garanzie da noi concesse (§ 276 comma 1 C. C.).

b) Limitazione di responsabilità nell'ammontare: se la nostra responsabilità per semplice negligenza e la nostra responsabilità per comportamento gravemente negligente da parte dei nostri ausiliari, che non siano rappresentanti legali o dirigenti, non sono escluse in conformità alla lettera a), ci assumiamo la responsabilità esclusivamente per i danni tipicamente prevedibili al momento della stipula del contratto e per il risarcimento delle spese inutili solo fino all'ammontare dell'interesse di adempimento.

c) Responsabilità da rapporti obbligatori precontrattuali: i paragrafi precedenti valgono anche per i diritti di risarcimento danni del partner contrattuale derivanti dai rapporti contrattuali, i quali diritti nascono dall'accettazione delle trattative contrattuali, dall'avviamento di un contratto o di simili contatti professionali. Se si perfeziona un contratto tra noi e il fornitore si considerano rilasciati i diritti al risarcimento danni del fornitore, i quali diritti non sarebbero fondati sulle disposizioni precedenti del contratto esistente.

11. Vizi della fornitura o della prestazione

In deroga al § 377 Cod. Comm. (Obbligo di indagine e ricorso) vale quanto segue: se prima di avere scoperto o rilevato il vizio abbiamo venduto in parte o totalmente, in normali transazioni commerciali, la merce fornita o l'abbiamo utilizzata o modificata in conformità all'utilizzo normale, i nostri diritti in merito al vizio della merce permangono. I nostri diritti a causa dei vizi giuridici decadono non prima del regolare termine di scadenza. Se la legge prevede un termine di scadenza più lungo, si deve utilizzare esclusivamente tale termine. Il fornitore è tenuto a esonerarci da tutte le rivendicazioni di terzi che derivano dai vizi di merito o giuridici della fornitura o della prestazione. Ciò vale in particolare per la responsabilità del produttore e la violazione di diritti industriali. Al fornitore è noto che esportiamo le nostre merci in tutto il mondo, in particolare negli Stati membri dell'Unione Europea e dell'Area Economica Europea, in Canada e negli Stati Uniti. Quindi, le forniture o le prestazioni dei o inerenti ai prodotti finali, alle materie principali o ai sottoprodotti, o parti di essi, devono essere conformi al diritto nazionale e estero e non devono violare i diritti industriali nazionali o esteri.

12. Diritti di compensazione e di ritenzione

Il fornitore è autorizzato ad effettuare compensazioni esclusivamente con rivendicazioni accertate, inconfutabili o passate in giudicato. Per esercitare i diritti di ritenzione, ivi incluso il diritto di cui al § 369 Cod. Comm., il fornitore è autorizzato a presentare le rivendicazioni inconfutabili o passate in giudicato solo sulla base dello stesso rapporto giuridico.

13. Cessione

Si esclude qualsiasi cessione delle rivendicazioni rivolte contro di noi. Se la transazione giuridica, dalla quale derivano i diritti al pagamento del fornitore, è un affare commerciale bilaterale, è valido il § 354 del Cod. Comm.

14. Luogo di adempimento

Se il fornitore è un imprenditore, una persona giuridica di diritto pubblico o con capitale separato, il luogo di adempimento per entrambe le parti è la nostra sede oppure il luogo di destinazione indicato nel nostro ordine.

15. Riservatezza

Entrambe le parti sono tenute a mantenere la riservatezza, anche una volta terminato il contratto, su tutti i segreti commerciali e aziendali dell'altra parte, i quali vengono resi noti nell'ambito dell'esecuzione del contratto. Possiamo pretendere che il fornitore impegni per contratto tutti i suoi dipendenti e ausiliari allo stesso modo e che ci consenta di prendere visione, su richiesta, di questi accordi.

16. Diritto applicabile, lingua del contratto, tribunale competente, nullità parziale

Tutti i diritti giuridici delle parti sono soggetti al diritto tedesco. Si esclude la validità della convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di acquisto internazionale di merci (CISG). La lingua del contratto è il tedesco. Se il fornitore è un imprenditore, una persona giuridica del diritto pubblico o con capitale separato, il solo tribunale competente per tutti i litigi che derivano dal rapporto contrattuale è quello della sede della nostra azienda; in questo caso, tuttavia, siamo autorizzati a citare in giudizio il partner contrattuale in un altro tribunale giuridico competente. Nei confronti di tutti gli altri partner contrattuali, Esslingen viene concordata come sede del tribunale competente in cui discutere tutti i litigi derivanti dal rapporto contrattuale nel caso in cui la parte da citare in giudizio trasferisca, dopo la stipula del contratto, la sua residenza o domicilio abituale fuori dalla Germania o qualora non sia nota la sua residenza o il suo domicilio abituale al momento dell'azione legale. L'inefficacia di disposizioni contenute in queste condizioni contrattuali o di una disposizione concordata tra le parti non ha nessuna influenza sull'efficacia delle restanti disposizioni di queste Condizioni generali per forniture e prestazioni o di altri accordi. Le parti sono tenute, in base alle condizioni tra di loro concordate, a sostituire le condizioni non valide con condizioni valide che si avvicinino il più possibile al tenore delle condizioni giuridicamente non valide.